Darky’s Rom 10 beta 3 – Installazione e prime impressioni

Dopo i precedenti articoli sulla modifica della rom del Galaxy S, ero arrivato ad una conclusione: la ROM Gingerberad 2.3.2 “Vanilla” non mi aveva soddisfatto, molto meglio la versione custom Darky’s 9.3 basata invece sul caro e vecchio Froyo.

Nel frattempo è stata rilasciata una nuova Stable della Darky’s (v.9.4) che dovrebbe aumentare ulteriormente il feedback con il telefono, però nel frattempo Darky’s sta lavorando a quella che sarà la versione 10 della sua ROM che è basata su Gingerbread.

Bene, ci riprovo, ben conscio che la procedura comporterà la perdita completa di tutti i dati presenti nel telefono.

Download delle ROM

Si, plurale. Per installare Darky’s 10, bisogna partire dalla ROM 2.3.2, poi installare il kernel supercurio e solo successivamente andremo ad installare la versione Darky’s che è possibile scaricare da qui.

Innanzi tutto, quindi, procedere all’installazione dei GingerBread con il pit 512 come descritto nel precedente articolo.

A questo punto, una volta riavviato il telefono, avrete installato la stock version di GingerBread.

Installazione di Darky’s 10

Innanzi tutto andiamo in “impostazioni” e modifichiamo l’impostazione USB per usare il telefono come periferica di archiviazione di massa e copiamo la Darky’s ROM 10 all’interno della memoria interna.

Quindi spegnamo nuovamente il telefono e rientriamo in “download mode”.

Riapriamo Odin e in PDA scegliamo il kernel supercurio scaricato precedentemente, deselezioniamo l’opzione “Auto Reboot” e “Re-Partition”, collegiamo l’USB e avviamo il nuovo update. Questa operazione ci serve solo per poter avviare il telefono in “Recovery Mode”, possibilità non attiva sul GingerBread Stock.

Inoltre bisogna cancellare il contenuto della directory darky’s, pena numerosi blocchi al primo avvio (se avevate attivato precedentemente il circulary battery).

Una volta ultimato l’upload, scolleghiamo il cavo USB, leviamo la batteria per qualche secondo e riavviamo il telefono in “Recovery Mode” premendo contemporaneamente “Volume-Su, Home e Power” per un paio di secondi.

Dal menu del Recovery Mode, scegliamo di installare un file zip dalla scheda SD e scegliamo il Darky’s Rom 10.

Una volta completata la procedura di installazione, entriami nel menu “Vodoo Lagfix” e verifichiamo di aver abilitato il lagfix; quindi scegliamo l’opzione di riavvio telefono e attendiamo qualche minuto.

L’operazione di installazione è così ultimata.

Prime Impressioni

Il firmware di base è stabile ed consuma ancora meno del 9.3, però molte sono le cose che non funzionano. Ci si accorge subito che termina con un errore fatale YouTube in quanto Darky’s installa automaticamente un widget; stessa sorte per la mia tastiera Swype. Inoltre il widget del controllo energetico è vuoto e se tento un riavvio in modalità “recovery” il telefono non riparte e necessita di un hard-reset. In sostanza, a mio avviso si tratta di una ROM ancora troppo “beta” per l’utilizzo di tutti i giorni, per cui ritorno a Froyo con la 9.4 stabile e attenderò il rilascio della release 10 stable.